Entra nel Forum ad accesso riservato
chisono
convegni ed eventi
corsi e seminari
Pubblicazioni
Preparazioni alimentari
preparazioni alimentari
rassegna stampa
Contatti
 
  10 Maggio 2017
TERAPIA NUTRIZIONALE E RITMO DELLA DONNA Caratterizzare la dieta sulla funzionalità del corpo femmi...
 
  09 Maggio 2017
TG3 Fuori Tg - Pronto Dottore Antenna Sud - Convegno Parma 16 Maggio 2013
 
  03 Gennaio 2017
Corso di Nutrizione Clinica 2017 rivolto a medici, biologi e dietisti
 
  03 Gennaio 2017
A fine Gennaio 2017 prosegue il corso di Aggiornamento in Nutrizione Applicata. I seminari si svolge...
 
  18 Settembre 2016
 
  07 Luglio 2016
Confindustria Reggio Calabria e Ordine dei Medici, incontro "L'alimentazione a sostegno della vitali...
 
  11 Giugno 2016
Confindustria Reggio Calabria e Ordine dei Medici, incontro "L'alimentazione a sostegno della vitali...
 
  07 Maggio 2016
Video Convegno ALIMENTAZIONE E ONCOLOGIA
 
  25 Febbraio 2016
Il 5 MARZO 2016 comincia il nuovo corso di Formazione in Nutrizione Applicata, aperto a Biologi, Nat...
 
  25 Febbraio 2016
La dieta nel malato oncologico è parte integrante del suo percorso terapeutico
 
  25 Febbraio 2016
CONVEGNO CONCLUSO
 
  28 Dicembre 2015
ALIMENTAZIONE E ONCOLOGIA - La dieta nel malato oncologico è parte integrante del suo percorso terap...
 
  02 Ottobre 2015
LA NUTRIZIONE CLINICA entra all'OSTEOPATHIC COLLEGE di Trieste - DR.SSA ANNA D'EUGENIO
 
  16 Settembre 2015
RACE ROMA 2014 - BROCHURE
 
  16 Settembre 2015
RACE BARI 2011 - Indicazioni nutrizionali in chemioterapia
 
  29 Luglio 2015
GLI ORMONI SESSUALI E LA DIETA l' e-book acquistabile su Amazon
 
  13 Gennaio 2015
Il 28 febbraio comincia il nuovo corso di Formazione in Nutrizione Applicata, aperto a laureati in S...
 
  13 Gennaio 2015
Riparte il primo anno della scuola di formazione rivolta ai laureati in Medicina e Chirurgia.
 
  13 Gennaio 2015
dal 23 gennaio ha inizio il ciclo di 10 giornate di studio
 
  16 Ottobre 2014
Anna D'Eugenio- Jean Paul Resseguier
 
  16 Agosto 2014
Seminario D'Eugenio-Rességuiér
 
  27 Aprile 2014
Race for the Cure Roma, Sabato 17 maggio, Circo Massimo
 
  24 Febbraio 2014
Fondamenti di Nutrizione Clinica in gravidanza
 
  24 Febbraio 2014
Scheda di iscrizione alla giornata di studi Roma, 15 marzo 2014
 
  23 Ottobre 2013
Il secondo anno del corso di formazione in Nutrizione Clinica ha avuto nel 2013 30 crediti ECM.
 
  27 Settembre 2013
Corso di Nutrizione Applicata aperto a Biologi, Nutrizionisti, Dietisti e Naturopati.
 
  27 Settembre 2013
A gennaio 2014 partirà il nuovo corso di formazione in Nutrizione Clinica rivolto a laureati in Medi...
 
 
 
promo
 
     
  “Non si sa dove si va se non si sa da dove si viene” dice Susan Buirge, psicopedagogista francese contemporanea, parlando del movimento e della danza.

Il mio lavoro, come medico, mi trova pienamente d’accordo.

Non si può iniziare un percorso di cura se non si è disposti a cercare l’origine nei nostri disagi.

La cura è ricerca e il risultato non è una formula fissa. non esiste un toccasana, esistono delle possibilità a cui possiamo attingere ma che funzionano nella misura in cui possono essere integrate nel nostro percorso di vita.

Quando ci si pone di fronte alla malattia con un atteggiamento di rinuncia, con l’impressione di avere a che fare con qualcosa che ci è “sfortunatamente accaduto” non si hanno gli strumenti per comprenderne veramente l’essenza. La malattia è l’espressione di noi stessi, parla di noi al mondo esattamente come il nostro sorriso o i nostri silenzi.

Il suo valore simbolico è fondamentale ma non è meno importante saper ripercorrere le strade che l’organismo ha attraversato.

La patologia è un momento culminante, è l’espressione dell’incapacità del nostro corpo di trovare una nuova forma di equilibrio senza sintomi.

Come in un film, però, il senso non è nella scena, per quanto intensa o drammatica essa sia, ma nella sequenza.

Sintomi, da soli, non hanno alcun significato, essi vanno analizzati nella loro storia per capire gli adattamenti che l’organismo ha saputo effettuare e dove invece non è più riuscito.

Lo squilibrio di oggi è la storia antica del nostro organismo e in questi anni di lavoro ho visto che ogni qualvolta esistono sintomi che tendono a ripetersi nel tempo, anche se non ne vediamo le cause, si sta costruendo una patologia.

Lo squilibrio è l’essenza stessa dell’esistenza, vivere significa modificarsi e quindi tendere ad ammalarsi.La vita, però, va spontaneamente verso una risoluzione vantaggiosa quindi si può invecchiare sufficientemente sani.

Il mio percorso professionale mi ha fortunatamente portato a studiare e praticare per anni la medicina cinese e questo ha caratterizzato in modo definitivo l’approccio con il paziente.Questa antica medicina è maestra nell’analisi dell’individuo e soprattutto nell’idea che gli eventi esterni vengano in qualche modo caratterizzati dal nostro modo di essere. E’ come se lo stesso fenomeno, lungi dal ricreare in ognuno la stessa catene di eventi susciti invece delle reazioni che dipendono dalla nostra individualità.
Ho iniziato ad appassionarmi allo studio della forma del corpo considerandolo il nostro vero biglietto da visita. Esso è il risultato della nostra genetica ma si plasma sul mondo esterno, sul clima, sull’alimentazione, sulle emozioni e racconta, in modo inequivocabile, come funzioniamo.

Generalmente si guarda il corpo per vedere se il suo colorito è buono oppure no, se i muscoli sono tonici o flaccidi, quindi se si è malati o sani, ma molto più interessante è guardarlo con gli occhi del divenire. Il movimento è la nostra essenza, tutto scorre, tutto si trasforma e il corpo si modifica con la stessa velocità.

Ho approfondito negli anni lo studio della forma del corpo cercando in esso le tracce delle modificazioni ormonali e quindi, a seguire, di quelle del funzionamento degli organi seguendo la logica della medicina tradizionale cinese ho cercato di suddividere/classificare gli individui in base alla loro forma secondo schemi–tipo semeiologici, lavoro peraltro già fatto in precedenza da Y Rea Hena. Questo mi ha dato molte armi per comprendere le predisposizioni patologiche e quindi per cercare di operare in modo preventivo.

Ma la grande arma terapeutica mi è stata offerta dallo studio dell’alimentazione. Anche in questo caso ho avuto la fortuna di trovare un approccio straordinario, che studia l’individuo ancor prima dell’alimento, che è consapevole che solo il cibo può riparare o prevenire perché è solo attraverso lui che ci si assicura la sopravvivenza.

Ecco allora che studiare il rapporto uomo alimentazione significa studiare il modo in cui l’uomo funziona ma anche come si relaziona in quel preciso momento con la biochimica dell’alimento.

Il cibo appartiene ala nostra vita, alle nostre abitudini, sancisce i momenti felici e compensa quelli dolorosi, si sovrappone alla nostra storia affettiva.

Mantenere un’ alimentazione sbagliata significa crescere un albero su un terreno ostile, al massimo può sopravvivere ma non potrà mai esprimere al massimo le sue potenzialità e la sua bellezza.
Un corpo sano, infatti, è bello. Le sue forma, esili o abbondanti sono armoniose; benessere equivale a bellezza.

Iniziare una cura alimentare significa farsi carico della propria patologia, ritenere che essa ci appartiene e che è possibile modificarla. Significa accettare dei limiti, perché qualcuno decide per noi, ma anche pensare in termini positivi, curarsi non si tratta di escludere soltanto quello che nuoce ma di cercare quello che è utile.

La medicina torna al servizio dell’uomo non al di sopra di lui, lo accompagna e non lo intimorisce.Ma i corpi vanno seguiti da vicino, non si può dare un regime dietoterapeutico e poi controllare cosa accade dopo tempi lunghissimi quali venti, trenta giorni. In questo modo mancano armi di conoscenza e quindi di possibilità di modifica.Il controllo deve avvenire quotidianamente, nel caso di malattie gravi anche più volte al giorno, ed uno strumento facile ed economico è l’esame delle urine.

Il paziente, da solo, controlla le sue urine con degli stick molto precisi e riferisce l’esito. Insieme si cerca di comprendere il significato, nell’ incrocio tra la soggettività dei sintomi e l’oggettività dei dati è possibile farsi un’idea di cosa sta accadendo nel metabolismo di quel paziente e quindi cercare una soluzione nutrizionale capace di interagire positivamente.

Quello che mi ha veramente appassionato di questa metodica è la sua dinamicità e il concetto di relazione.In generale, nella vita, non solo nella Medicina, ho sempre diffidato di soluzioni statiche perché sono di per sé intellettualmente poco convincenti.

Nella malattia è facile e veloce vedere come una soluzione alimentare sbagliata dia un miglioramento o peggioramento della sintomatologia ma lo si può vedere anche quando si lavora nella prevenzione anche se con tempi un po’ più lunghi.

Nell’irregolarità mestruale dell’adolescente il ciclo deve rimettersi in ordine in uno al massimo due mesi altrimenti il trattamento alimentare non è stato giusto.Nella cefalea invece il dolore deve ridursi nelle due-tre ore seguenti l’ assunzione del cibo, in questo modo sono autorizzata a ritenere di aver trovato una soluzione vantaggiosa.

Studiare questo tipo di terapia mi ha aperto importanti orizzonti conoscitivi; ha risottolineato il rapporto inscindibile dell’ uomo con l’ambiente, con le energie esterne e ha aumentato in me la consapevolezza che molte delle nostre malattie sono legate al consumo di alimenti di scarsa qualità.Infatti continuando a monitorizzare i corpi con gli stick urinari si trovano rischiose variazioni di PH simili a quelle che intervengono all’ assunzione di sostanze chimiche.

In medicina si parla poco, a mio avviso, dei pericoli per la salute umana, conseguenti all’introduzione di alimenti manipolati.

Ci sono molte pubblicazioni scientifiche che sottolineano i rischi di coltivare su terreni inquinati da falde acquifere dove si scarica in modo irrazionale, ma ce ne sono altrettante che mettono in guardia dall’ uso degli ormoni per accelerare la crescita, soprattutto degli animali. Possiamo continuare con l’abitudine, in agricoltura, ad utilizzare concimi che migliorano la qualità produttiva creando, però molecole insolubili che restano immagazzinate nei terreni. E ancora fitofarmaci preventivi per evitare malattie, antimicotici per mantenere le scorte, gas per facilitare la maturazione, tutto questo per ogni singolo pomodoro, zucchina o melone che andiamo quotidianamente a consumare.Anche se tutto questo viene fatto in termini di legge ed i residui di sostanze tossiche sono al di sotto dei parametri considerati pericolosi per l’organismo umano, il loro accumulo è necessariamente rischioso per l’ uomo e soprattutto per il bambino.

Da questo la consapevolezza che non si può fare alcun lavoro serio e non si cerca una materia prima di buona qualità.Oggi molte industrie, più le piccole che le grandi, hanno investito su modelli produttivi più responsabili, creando prodotti utili e non nocivi per l’uomo.

Curarsi con l’alimentazione mette in gioco anche la nostra consapevolezza sociale, il nostro senso di giustizia e quindi di sana pretesa.

Intanto che gli organismi di controllo fanno il loro lavoro perché consumare irrazionalmente? Perché non essere cauti con la nostra salute? E’ più facile prevenire che curare.


 
     
 
 
Dott.ssa Anna D'Eugenio, Medico Chirurgo | Viale Regina Margherita, 269 - 00198 ROMA
Tel. 06.44235600 - 06.44237666 | anna.deugenio@annadeugenio.it

Credits - P.IVA: 00824290571 - © Tutti i diritti riservati - Powered by Informatica 2000